Appuntarsi un buon proposito per il futuro non basta! Le più efficaci lezioni di coaching, predicano di darsi obiettivi sfidanti, misurabili e con una scadenza temporale. Ecco che segnarsi in agenda che il 30 marzo del 2024 vorrò aver attraversato a nuoto mari per 500 km, è un obiettivo ben fatto.
Lo stesso principio lo ha messo in atto il Consiglio delle nazioni unite dell’ONU che, qualche tempo fa si è dato 17 obiettivi per il dicembre del 2030.
Ha segnato in agenda 17 dimensioni a cui far approdare il nostro pianeta e, soprattutto, le persone che ci vivono. Questi obiettivi di sostenibilità sono stati condivisi in lungo e in largo, raccontati esposti e resi pubblici in più forme.
Questo è stato fatto per dare modo ad ognuno di noi di sviluppare un pensiero consapevole e responsabile circa le tematiche trattate dai 17 target. Questa modalità di comunicazione dell’iniziativa ha avvicinato il raggiungimento di tali obiettivi di interesse globale ad ognuno di noi. Nel leggerli si comprende proprio che chiunque può individuare quali tra i 17 può, in qualche modo, avere a che fare con la propria vita così da poter scegliere consapevolmente se attivare comportamenti quotidiani utili a contribuire al perseguimento dello scopo scelto.
Questo riguarda persone, organizzazioni, nazioni, aziende, liberi professionisti, adulti, bambini, progetti.
Anche HOP si è fermato a riflettere per individuare quali tra i 17, potessero essere scopi aderenti ai principi d’azione e ai valori di Invasione Responsabile.
E’ stato molto bello e utile ripensare questi obiettivi globali su piccola scala, capire come farli aderire ad un progetto di educazione alla cittadinanza per bambini e famiglie.

Ecco gli obiettivi sostenibili scelti da Hop:

  • Obiettivo 1: Porre fine ad ogni forma di povertà nel mondo ( Garantire una adeguata mobilitazione di risorse da diverse fonti, anche attraverso la cooperazione allo sviluppo, al fine di fornire mezzi adeguati e affidabili per i paesi in via di sviluppo, in particolare i paesi meno sviluppati, attuando programmi e politiche per porre fine alla povertà in tutte le sue forme) Attraverso le attività educative, la diffusione dei contenuti, materiali didattici e comunicazione, Invasione responsabile si prefigge lo scopo di creare cultura sul tema dell’importanza della propria persona, un sapere molto fine e trasversale che risulta di difficile accesso a contesti e persone con meno mezzi e opportunità. La cultura, anche quella della consapevolezza di se rende liberi.
  • Obiettivo 4: Fornire un’educazione di qualità, equa ed inclusiva, e opportunità di apprendimento per tutti
    Negli ultimi anni abbiamo vissuto dall’interno l’importante difficoltà di riuscire a realizzare progetti educativi di qualità per le scuole. Un limite fortemente legato alla difficoltà dell’istituzione scolastica di reperire mezzi e risorse per garantirsi esperienze educative e formative che costi di accesso più elevati. Queste dinamiche stanno creando una forte disuguaglianza tra chi può accedere e risorse finanziarie ed organizzative e chi invece ha meno possibilità. Nel promuovere la cittadinanza vogliamo accendere la luce su una nuova cultura di finanziamento dal basso di attività e progetti educativi unitamente ad una revisione della mentalità di autorizzazione di progetti strutturati e al passo con i tempi.
  • Obiettivo 10: Ridurre l’ineguaglianza all’interno di e fra le Nazioni(Entro il 2030, potenziare e promuovere l’inclusione sociale, economica e politica di tutti, a prescindere da età, sesso, disabilità, razza, etnia, origine, religione, stato economico o altro)
    La Scuola, per noi rappresenta il centro nevralgico dell’universo, un posto magico in cui ogni bambino può e deve essere messo nelle condizioni di esprimersi al meglio delle proprie potenzialità.
    Invasione Responsabile realizza proprio nei suoi contenuti di cittadinanza tale principio di Educazione Sociale.
  • Obiettivo 11: Rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili (Entro il 2030, fornire accesso universale a spazi verdi e pubblici sicuri, inclusivi e accessibili, in particolare per donne, bambini, anziani e disabili)

CONCEDITI L'OPPORTUNITÀ DI GIOCARE SERIAMENTE

Da oggi è possibile diventare “Incondizionatamente responsabili”, ovvero fare un gesto per sé stessi, senza aspettarsi nulla in cambio. Agire per contribuire concretamente ad un cambiamento responsabile.

Stare meglio tramite i gesti quotidiani che, agiti con consapevolezza, saranno il cambiamento responsabile.
L’azione tanto sperata da tutti, realizzabile solo con l’impegno pratico di ogni singolo individuo!

Tutt’altro che facile, ma proprio per questo in grado di generare grande valore.

Puoi diventare davvero un Hero Responsabile!

Segui questo link e sarai inserito in una lista speciale in cui riceverai informazioni utili a nutrire il tuo senso di responsabilità, consigli per uno stato d’animo nuovo, pieno e nutrito.

Indicazioni concrete per poter essere il cambiamento sperato, quello che desideri ogni giorno vedere intorno a te.

Il gioco è una cosa serissima, lo impariamo con i bambini a scuola durante le nostre azioni educative. Anche da adulti è possibile giocare seriamente, impegnandosi e mostrando sempre il sorriso proprio come ci ha insegnato a fare HOP, nostro ambasciatore di responsabilità.

Top cambiamentoeducazione civica